Tag

, , , , , , , , , , ,

Giuseppe Arcimboldo: Primavera (1573)

E se al Regno Animale dobbiamo l’anima, è al Regno Vegetale che dobbiamo la vita. Relegati spesso a secondo piano, mero contorno della vita animale, perfino ignorati, sono invece altri pezzi di noi. Così come gli animali sono il legame tra l’uomo e la Terra, per mezzo dell’anima, così i vegetali sono il legame tra Terra e cosmo, per mezzo della vita.

I vegetali trasformano l’energia libera del cosmo in aria e cibo per gli animali. Energia radiante, luce del Sole, catturata dall’aria dalle foglie e trasformata in zucchero e ossigeno. Il primo il frutto del processo, il secondo, lo scarto.

Nulla va perso.

Lo zucchero racchiude in anelli di carbonio l’energia che prima ha viaggiato negli spazi cosmici. Fotoni che da siderali distanze entrano nell’atmosfera terrestre, poi nelle cellule vegetali, s’uniscono ad acqua e anidride carbonica terrestri per sintetizzare energia solida.

Il respiro che ogni animale compie è possibile grazie al vegetale che non se ne serve. In un raffinato equilibrio, di fotosintesi e respirazione, gli animali scartano l’anidride carbonica e richiedono ossigeno, i vegetali, di converso, scartano ossigeno e richiedono anidride carbonica.

Un’analogia ancor più segreta lega poi animali e vegetali. È in forme atte e adatte a funzioni continue e incoscienti, quali le strutture della respirazione, dell’innervazione e del metabolismo, che i vegetali vivono come forme interiori entro gli animali.

Una vita entro noi animali che irrora, comunica, trasforma.

La forma vegetale, ramificata e seriale, viene interiorizzata nell’animale, dove alla respirazione s’imprime la forma di tronco, rami e chioma, nell’albero bronchiale che porta agli alveoli come cave forme negative di foglie.

L’innervazione procede invece come radici insinuate tra altri tessuti e organi a raccoglierne impulsi e stimoli, da ridistribuire al resto del corpo. I processi metabolici, lo scorrimento del torrente sanguigno e linfatico, vanno a irrorare di liquidi, come acqua e linfa, nello stelo della pianta.

Come piante inverse, liberate dall’immobilità, corriamo su questa Terra.

Annunci